Francesca Penserini
français
english
italiano
Biografia
Francesca Penserini
IL RISVEGLIO: IL DISEGNO E LA SCULTURA
Già all’età di quattro anni, ritagliavo scatole di cartone sul pavimento del salone di casa mia trasformandole in meravigliosi palazzi. Era un gioco d’immaginazione che colmava il lato solitario della mia personalità. Nella mia opera, cerco di coniugare la scultura ed il disegno. Trovo che questi due modi formali mi siano veramente congeniali. Per un po’ ho sottovalutato l’importanza del disegno, perché mi sembrava più «facile» rispetto alla scultura, la quale in genere necessita di molte più manovre e pianificazioni. Penso che la loro coabitazione mi permetta oggi di raggiungere un equilibrio tra i miei impulsi primari e l'articolazione di una proposta più razionale.

Francesca Penserini
FORMAZIONE - INSEGNAMENTO
La scuola è stata per me un vero e proprio campo di valorizzazione. Ho avuto la fortuna di incontrare eccellenti professori, tra i quali Kathryn Lipke all'università Concordia, Richard Boardman a Villa Schifanoia (Firenze) e Fred Nagelbach presso l’istituto d’arte di di Chicago. Ho avuto anche la fortuna di avere dei generosi complici di laboratorio: Jean-Pierre e Roger-André Bourgault, Jean-Pierre Morin, Josée Dubeau, Jules Lasalle, Denis Raby e molti altri ancora. Di pari passo agli stages di apprendistato e alla realizzazione di opere ho vissuto anche un’altra grande esperienza cioè quella dell insegnamento. Non mi sono dunque mai veramente allontanata della scuola. Dal 1990, insegno infatti all’interno del programma preuniversitario di “Digital Imaging & Studio Arts” presso il collegio Champlain a St-Lambert insieme ad Ashley Miller. In questa sede ho contribuito a mettere in piedi un laboratorio in cui il computer rappresenta un mezzo di creazione, sia come strumento per disegnare e dipingere che come strumento di scultura e di animazione. Malgrado le innovazioni tecnologiche, si ritorna sempre alle basi tradizionali! Mi piace particolarmente questo rapporto quotidiano con gli studenti, che è sì esigente, ma molto dinamico e al tempo stesso assai gratificante.

Francesca Penserini
CENTRO D’ ARTISTI - INTEGRAZIONE DELLE ARTI ALL'ARCHITETTURA
Ho fatto parte del gruppo fondatore della galleria Clark, quando tale spazio era situato sulla omonima arteria cittadina a Montréal. Nel 1989, all'epoca del mio ritorno da Chicago, ho rivestito il ruolo di direttrice artistica di Optica per alcuni anni: in quell’occasione ho potuto frequentare artisti e organizzatori di eventi artistici. Dopo un mandato di tre anni in veste di direttrice, sono rimasta rivestendo la carica di vicepresidente del consiglio di amministrazione. I centri per artisti sono luoghi che abbondano di energia! Come artista ho anche fatto mostre personali in parecchie cittá, tra le quali: Montréal, Sorel, Amos, Hull, Québec. Più recentemente, nel 2005 e nel 2006, ho partecipato a due concorsi aventi come tema l’integrazione delle arti all'architettura in Quebec. Questa esperienza mi ha tra l’altro permesso di trovare delle soluzioni formali per conferire ad opere d’arte originariamente fragili e colorate (dopo avele sottoposte a rigorosi test di resistenza alle avversità climatiche) un carattere di durabilità.
LA FAMIGLIA
Faccio parte di una famiglia di origine italiana che è estremamente fiera delle proprie radici. Ho un figlio di nome Gabriele che compirà quattordici anni a luglio.

Traduzione Werther GUIDI